Tremila chilometri, chilometro più, chilometro meno. Tanta è la distanza che separa Parigi a Istanbul e, dal 1993 fino al 2009 la capitale francese e quella turca sono state messe in collegamento (anche) da una ferrovia iconica e leggendaria: l’Orient Express.

Il treno passeggeri è entrato nell’immaginario collettivo grazie all’estro di Agatha Christie che vi ambientò a bordo un dei suoi più celebri romanzi gialli, Assassino sull’Orient Express, da cui – nel 1974 e 217 – sono stati tratti due adattamenti cinematografici.

Oggi, dopo 13 anni di stop, l’Orient Express è pronto a rimettersi in marcia, con 17 carrozze originali, rinvenute nello snodo ferroviario di Malaszewicze, al confine tra Polonia e Bielorussia: sarà di nuovo attivo sui binari per le Olimpiadi di Parigi, fissate nell’estate del 2024.

Orient Express station

Il (nuovo) percorso dell’Orient Express

Il progetto del gigante alberghiero Accor è quello di ridare vita all’icona dei viaggi a lunga percorrenza su rotaia, tra Ville Lumière e Istanbul. In attesa della presentazione ufficiale del progetto, fissata a ottobre 2022, raccontiamo come è (ri)nata questa tratta: una volta ritrovati i vagoni e una volta trasportati in Francia è iniziato un minuzioso lavoro di recupero e restauro, mantenendo l’anima retrò degli scompartimenti; delle 17 carrozze, 12 sono cuccette per la notte, tre sono destinate all’area lounge, una è un vagone ristorante e l’ultima è utilizzata per altri impieghi.

A occuparsi in prima persona del restauro è stato l’architetto francese Maxime d’Angeac, che, come riportato da La Repubblica, ha raccontato: «La rinascita dell’Orient-Express è una sfida tecnologica che incrocia criteri scientifici, artistici e tecnici: l’intero progetto è stato concepito come un’opera d’arte. Dai dadi e bulloni stampati con la firma di Orient-Express al concetto innovativo delle suite, la massima attenzione al dettaglio consentirà ai viaggiatori di riscoprire il grande splendore dell’Orient-Express. Affidata ai migliori artigiani e decoratori specializzati nei loro campi, questa ambasciata del lusso francese svelerà un ambiente di assoluta raffinatezza. Sarà un’esperienza di viaggio in treno impareggiabile, immaginata attraverso una visione contemporanea del comfort ed estremo lusso».

Leave a Reply