L’inverno 2020/2021 si configura davvero una stagione difficile per le vacanze sulla neve in molte località sciistiche.

L’associazione Federalberghi descrive una situazione surreale persino a Cortina d’Ampezzo, normalmente frequentatissima dai turisti in questo periodo dell’anno. Nonostante i due metri di neve, infatti, sono in pochissimi ad aver raggiunto le seconde case, e solo una decina di alberghi hanno deciso di tenere aperto. Gli ultimi dpcm, con il divieto di uscire dalle regioni e la chiusura di molte attività non essenziali, scoraggiano di fatto lo spostamento anche verso la montagna.

Alcuni albergatori e gestori di impianti sciistici sembrano propendere addirittura per la decisione di saltare l’intera stagione. Le incertezze restano anche per i prossimi mesi, e con gli italiani rientrati al lavoro, senza turisti stranieri, le aperture non sarebbero sostenibili. L’unica proposta, al momento, è quella di prolungare la stagione fino a primavera inoltrata, tenendo aperto nel periodo di Pasqua. Ma come spesso è accaduto in questo strano anno, la situazione difficile ha spinto anche a trovare soluzioni ingegnose e alternative per reinventarsi e far fronte alla crisi.

Cortina e le vacanze sulla neve “alternative”

Per rilanciare il turismo a Cortina, in attesa dei Mondiali di Sci e nell’impossibilità di tenere aperti gli impianti, Federalberghi ha lanciato una proposta alternativa agli sport invernali.

L’iniziativa si chiama “Le passeggiate coi fiocchi” ed è legata alla riscoperta del territorio attraverso sentieri e sapori. Il programma propone 9 percorsi: alcuni nei sentieri tra i boschi adiacenti a Cortina, altri abbinabili a un impianto di risalita oppure a un rifugio dove degustare piatti tipici.

Si tratta di percorsi molto semplici: vere e proprie passeggiate in mezzo alla neve, ma che non necessitano dell’utilizzo di ciaspole. Il livello di difficoltà è adatto davvero a tutti, anche senza essere degli sportivi, ed è possibile portare anche i propri amici a 4 zampe. Le passeggiate, inoltre, sono state pensate e organizzate con la massima comodità possibile per i partecipanti. La partenza è infatti raggiungibile con i mezzi pubblici, così da poter lasciar ferme le auto. Infine, l’iniziativa prevede anche una cartina dedicata, che i turisti possono trovare in tutti gli alberghi aderenti.

vacanze sulla neve

Un approccio nuovo. E ottimista

L’iniziativa di Federalberghi, con una proposta di vacanze sulla neve alternativa allo sci e agli sport, ha un duplice effetto. Da una parte consentirà agli hotel e ai rifugi di tenere aperto nonostante la chiusura degli impianti, e di conseguenza invitare i turisti a soggiornare. Dall’altra, suggerirà agli ospiti un nuovo approccio al turismo e alla montagna, più a contatto con il paesaggio e la natura.

Il progetto sfida una stagione certamente difficile, mirando allo stesso tempo alla valorizzazione del territorio. In attesa di sapere se i Mondiali di sci, in programma dal 7 al 21 febbraio prossimi, si svolgeranno a porte chiuse o col pubblico, Cortina lancia un messaggio di positività: la montagna è pronta ad accogliere i turisti.

Leave a Reply