Il 14 giugno 2002, negli Stati Uniti, usciva nelle sale Scooby-Doo, il primo film con attori in carne ed ossa dedicato ai personaggi dell’omonima serie animata. Oggi a vent’anni di distanza, proprio per festeggiare la ricorrenza, Airbnb e Warner Bros hanno collaborato per dare vita a una fedele riproduzione dell’iconico van, prenotabile sulla piattaforma di affitti a breve termine. E così quest’estate, per il 20esimo anniversario della pellicola è possibile dormire nell’iconico furgone lungo la costa meridionale della California.

Per celebrare l’anniversario, l’attore Matthew Lillard (alias Shaggy) è pronto ad imbarcarsi in una nuova missione: diventare host dell’iconica Mystery Machine. «Mi sono messo nei panni di Shaggy sin dall’adattamento live action del 2002 e da allora è come se fosse diventato parte di me. Non vedo l’ora di accogliere gli ospiti nel mondo della gang di Mystery Inc. come host di Airbnb e regalare loro una vacanza estiva che non dimenticheranno mai…per una volta senza mostri!», le sue parole.

L’iconica Mystery Machine, inserita all’interno della nuova categoria di Airbnb dedicata ai camper, che conta 12.500 veicoli disponibili in tutto il mondo, è stata equipaggiata per consentire a due fan di fare un salto indietro nel tempo e vivere i panni di Scooby e Shaggy, paladini della vita on the road prima che diventasse cool.

Su Airbnb sarà possibile prenotare tre soggiorni di una notte ciascuno nelle date del 24, 25 e 26 giugno al costo di soli 18 euro a notte (Tasse e fee sono escluse dal costo.) per un massimo di due persone.
Il soggiorno, come spiega Airbnb stessa, offre un benvenuto virtuale di Matthew Lillard; un’immersione nei primi anni 2000, tra lampade fosforescenti, lettori CD portatili e collane di conchiglie hawaiane; una cena con snack a volontà e un menù composto da tutti i cibi preferiti di Shaggy & Scooby, come hot dog e hamburger di melanzane; un rewatch notturno di Scooby-Doo, con popcorn, caramelle e Scooby Snacks inclusi; uno spazio outdoor con area relax e amaca.

Leave a Reply